D'un tratto nel folto bosco

Non c’era nessuno in tutto il paese che potesse insegnare ai bambini che la realtà non è soltanto quello che l’occhio vede e l’orecchio ode e la mano può toccare, bensì anche quel che sta nascosto alla vista e al tatto, e si svela ogni tanto, solo per un momento, a chi lo cerca con gli occhi della mente e a chi sa ascoltare e udire con le orecchie dell’animo e toccare con le dita del pensiero.
Amos Oz


lunedì 24 febbraio 2014

5396 SEGNALAZIONI DI SOSPETTE REAZIONI AVVERSE AL VACCINO ESAVALENTE



 5396 SEGNALAZIONI DI SOSPETTE REAZIONI AVVERSE AL VACCINO ESAVALENTE INFANRIX HEXA giunte fino a Dicembre 2013 alla BANCA DATI EUROPEA DELLE SEGNALAZIONI DI SOSPETTE REAZIONI AVVERSE AI FARMACI creata nel 2012
[http://www.adrreports.eu/IT/search.html].

Notate come i gruppi più significativi siano rappresentati da:
1. disordini generali a carico del sito di iniezione
2. disordini a carico del Sistema Nervoso

Killer Pentavalent ...? 54 infants died after vaccination in just two years, Finally govt admits three death casually associated with Pentavalent Vaccination





Pentavalent Vaccine, that was introduced in India’s Universal Immunization Program (UIP) in December 2011, has claimed 54 lives so far. Union Health Ministry that had denied any role of Pentavalent vaccine in infant deaths for two years, finally- in reply of an RTI, has admitted   Pentavalent's association in three deaths.  While one of the three deaths has clearly been classified as ‘vaccine reaction’. Now when vaccines' role in babies’ deaths has proven, it is for all to see what government decides next... discontinue vaccine use in UIP or scale it up at national level..?


Pentavalent story so far.. 2 years, 9 states, 54 deaths & 135 hospitalizations


Five-in-one Pentavalent vaccine, that claims to save children from five killer diseases i.e., Diphtheria, Pertussis, Tetanus, Hepatitis B & Hib Meningitis, has been introduced in 9 states under UIP (Universal Immunization Program) of India. Government first introduced Pentavalent in Kerala & Tamilnadu as a pilot project in December 14, 2011. But within the first year of its introduction, 19 infants died following adverse effects after immunization in both the states. Such high toll & 2 PILs filed in the Supreme Court seeking ban on Pentavalent, failed to stop government from scaling up this vaccine in another seven states namely Goa, Haryana, Gujrat, J&K, Pudduchery, Karnataka & Delhi. As a result…these states also started registering cases of infant deaths. 
   
  • A girl child Ancy died within hours of vaccination on December 15, 2011 in Kerala, next day of introduction of Pentavalant  in TN & Kerala. 
  • Within a year of this Program, From December 2011 to February 2013, 19 children died & 60 were hospitalized.  
  • Pentavalent was inducted in Haryana's immunization schedule in Dec 2012 & within a month, on January 9 2013, a child died shortly after receiving vaccine in Jasaur Kheri village of Jhajhajhar district. 5 children have died so far in the state. 
  • Kashmir also reported 8 infant deaths from September 2012 to October 2012 which led state doctors to demand a pull back of Pentavalent from the state's immunization program. An expert team also visited Kashmir's G B Pant hospital to investigate these deaths & dismissed any role of vaccine in casualties. The team declared that the deaths were due to pneumonia & septicemia.  
  • 3 children in Delhi, 2 in Goa, 2 in Gujrat, 5 in Haryana, 12 in J&K, 6 in Karnataka, 16 in Kerala & 8 in TN have died in two years following Pentavalent Vaccination while 135 children were hospitalized.  

Govt admits role of Pentavalent in deaths for the first time


Health Ministry has been denying any role of Pentavalent vaccine in death cases for a long time. Every time when a probe was conducted in such cases, some other reason was held responsible for casualty & Pentavalant was given a clean chit.  

But for the first time the documents that health ministry provided in reply to an RTI by Delhi based Sanjai Sharma later last year, clearly state that at least three deaths are casually associated with vaccination, while one death has been put under "Vaccine Reaction" by AEFI (Adverse Events Following Immunization) committee.  
The documents hold investigation report of 20 children. though 8 cases had been put under SIDS (Sudden Infant Death Syndrom) in early investigation but in the fresh report provided, only one of the cases is declared SIDS case while seven other cases have been put under unclassifiable.
   
According to Dr Jacob Puliyel unclassifiable cases are those cases where adequate information for proper probe of death is not available. A National AEFI committee that monitors adverse effects of vaccines, investigated these deaths. AEFI's fresh casualty assessment report suggests that three children died due to Vasogenic Shock.  


In question since inception... A war in court is also going on against Pentavalent

 In 2010 when the National Technical Advisory Group on Immunization (NTAGI) recommended Pentavalent's introduction in the country's health program, many public health experts criticized it. Two of NTAGI members, a policy adviser & a bureaucrat  filed a PIL in Supreme court against Pentavalent's introduction in UIP. The PIL clearly Stated-

  • The plan to introduce Pentavalent has been chalked out ignoring Minz study that suggests that the number of  Hib Meningitis cases is too low in India for government to introduce a vaccine to eradicate it.  
  • Figures obtained from countries where Pentavalent vaccine has been in use for years, show that there is no actual benefit of this vaccine in preventing diseases. 
  •  Efficacy of Pentavalent is doubtful as it has many side effects & has caused deaths in many developing countries. The vaccine is being introduced in India’s UIP under WHO & GAVI’s influence, ignoring facts & figures about its need in the country & safety profile.
  • The government should first test its effects on children without combining it with DPT & Hepatitis B vaccines.
Due to increased pressure, government postponed its program to introduce Pentavalent in UIP.  But it was introduced as a pilot project in TN & Kerala's public health program in December 2011. Within months of its introduction in the two states, there was reporting of deaths & other serious AEFI cases which led to the filing of another PIL in Supreme Court by a Delhi based doctor Yogesh Jain.

Dr Yogesh Jain’s PIL clearly states that Pentavalent vaccine should be banned in India with immediate effect as it had adverse side effects & is banned in many developed countries like US, Japan, Canada, Europe, Australia, UK & some other developed countries. Dr Jain’s lawyer also claimed that the actual number of deaths due to Pentavalent vaccination is much higher than the reported number. 

Supreme Court also issued a notice to both center & Serum Institute, Pune- manufacturers of Pentavalent vaccine, in September 2013.  

Pentavalent has killed children in other developing countries as well

  • Sri Lanka started use of Pentavalent in 2008, but suspended it soon after the deaths of 5 children reported after  vaccination.
  • Bhutan started it in 2009 & stopped its use after 9 deaths. Though Bhutan started using it again as WHO intervened and declared Pentavalent safe, but it again caused 4 deaths. Bhutan stopped using it permanently.
  • Three children died in Pakistan soon after introduction of Pentavalent in its immunization program. A healthy child died within half an hour of vaccination.
  • Vietnam started use of Pentavalent vaccine Quinvaxam in 2010 & stopped its use in March 2013 after reporting of 12 deaths & 9 hospitalizations from October 2012 to March 13.
Though many countries reintroduced Pentavalent in their immunization program as investigation teams led by WHO, found no role of vaccine in deaths & Pentavalent was given a clean chit every time. Surprisingly, in almost all the cases in developing nations, babies' deaths were never associated with the vaccine. They were either labeled as  unclassifiable or declared SIDS, co-incidental deaths or deaths due to co-morbid conditions. 

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

What is Pentavalent

Previously DPT & Hepatitis B injections along with the Oral Polio vaccine were administered free of cost to all the children below five years, in government hospitals. The liquid Pentavalent vaccine is a replacement of DPT & Hep B vaccines, containing a combination of  diptheria, pertusis, tetanus (DPT), Hepatitis B & Hib Meningitis antigens. Government of India decided to introduce it in UIP, as per WHO recommendations in 2011. 

.................................................................................................................................................      .

Story of Jatin- a victim of vaccination...  
A fact finding team of PDUR ( People's Union for Democratic Rights), a Delhi based NGO, Visited families of children who died following vaccination in Kashmir & Haryana. The team members on 5th February this year, met Jatin's parents in Jasaur Kheri village of Jhajhajhar district, Haryana, who died on 9 January 2013, shortly after receiving vaccine.
Here is the brief account of what they found. Read it & decide for yourself- 

Jatin, born on 22nd October' 2012, was the second child of Narender & Ritu. He born after a full cycle of nine months & was a healthy child. His birth weight was 2.8 Kg. Breastfed frequently & adequately, he gained weight in following weeks. On the fateful day of 9th January '2013, his mother took him to a nearby Aanganbari Kendra to get him vaccinated. There Jatin was administered with liquid Pentavalent injection, a vaccine that was inaugurated in the village that very month.  

Jatin became unconscious within seconds of receiving the vaccine injection. His family thought he had slept due to vaccine effect. They brought him home. But when he did not wake up till late that night, they rushed him to a private clinic in Rohatak where doctor declared him brought dead.   

Jatin's Grandmother still breaks down in tears while telling how Jatin was all healthy & well the day they took him for vaccination. He was not showing any symptoms of cough, fits or pneumonia as told by Aanganbari worker who was trying to convince them that Jatin died due to the reaction as he had already been suffering with some disease. His family knew that was not true, Jatin was perfectly well that day. 

The family is so frightened by the experience that they don't want to take Jatin's brother for vaccination despite repeated requests by Aanganwadi workers.
                                                                                                                                                        

Deaths due to the vaccine are not acceptable

Dr Jacob Puliyel, Head of Pediatrics, St Stephen's Hospital, Delhi 
(He is one from the team that filed a PIL in Supreme Court against Pentavalant in 2010) 

"It is crucial to accept Pentavalent's role in the deaths. Government has admitted that in three cases, but all other cases should also be investigated carefully. We should accept that Pentavalent harms. We are not against Vaccines but what is  most important is to ensure safety of children. If you want to give vaccines, inject them separately. This liquid Pentavalent- a combination of five vaccines is dangerous. Vaccine is important, but it should be safe & effective. "
Dr Yogesh Jain (MD), Public Health Physician, Jan Swasthya Sahyog, District Bilaspur, Chhattisgarh, Previously- Asst Professor of Pediatrics, AIIMS, Delhi 
(He also filed a PIL in Suepreme Court seeking ban on Pentavalant in 2013)
"my first point is, if a child dies within 24 hours of vaccination and you say it happened because of co morbidity, or there was a lack of parental care or give some other reasons for his death...sorry! This is not a satisfactory answer to an untimely death. This, according to me, is a failure of the whole immunization program & of the officials running it. My second point - has there any minimum death ratio been defined in a public health program which could tell us- that many deaths are acceptable against one lac children vaccinated?.... if the answer is no, then what is the answer for the deaths caused by vaccination? Why should we use Pentavalent even after the deaths of so many children? Why are we not ready to suspend it? I am not against vaccines. I just want to say that a vaccine should save, not take lives. And if a vaccine is causing deaths, we should take immediate action."
                                                                                                                                                          


'Pentavalent is the real culprit' - An analysis

Official figures obtained from the Ministry of health & family welfare show, 54 children died shortly after Pentavalent vaccination. Maximum babies (26) died after receiving their first dose while 10 died after second dose & just three died after having their third dose. While the number of doses have not been registered in remaining 15 death cases. According to Doctor Jacob Puliel, as majority of deaths occur after the first dose, it indicates that the events are not random or happening by chance on the day of immunization. A random event happening coincidentally on the day of vaccination will happen equally regardless of the doses received previously.  In drug sensitivity reactions also, the majority of those who are sensitive, react to the first dose.

Now the question is, why there is a difference in casualty data of different states showing the rate of deaths per children vaccinated?  By January 2013- after one year of Pentavalant introduction in Kerala & TN, Kerala registered 14 deaths & TN registered just 4 deaths, although the number of vaccine doses administered in the TN were much higher than that of Kerala. When the vaccine was scaled up in another seven states, this difference in figures showed up more starkly. All pro-Pentavalent people may say if vaccine really is the reason behind the deaths, then why there are less deaths in Gujarat per 2 lakh children vaccinated & more in Goa per some thousand children vaccinated?

The question sounds difficult. But when we analyze IMR (Infant Mortality Rate) data of these states, it solves the confusion. Goa, Kerala & Tamilnadu states are with good surveillance system & low IMR while in states like Gujarat, there are poor surveillance system and high IMR.   
State
Deaths
Babies vaccinated per death
IMR
Goa
2
3829
10
J&K
12
7284
49
Kerala
16
12252
12
Haryana
5
38372
54
Tamil Nadu
8
51823
31
Karnataka
6
75150
45
Gujarat
2
229246
50
Puducherry
0
Data not available
Delhi
3
Data not available


Whereas in Goa one death is recorded per 3829 children vaccinated, in Gujarat, one death is recorded per 2.3 lakh children vaccinated. The difference here, is because of differences in the IMR of  both states. This is clear that states like Goa & Kerala with 10 & 12 IMR respectively, recorded higher IMR after introduction of Pentavalent while in Gujarat where surveillance system is poor & IMR is already high, it can be linked to poor reporting of cases in the state.

 If we use the data from the best case scenario for reporting (Goa), there is one death for every 4000 babies vaccinated with Pentavalent vaccine and if the birth cohort in India of 25 million is vaccinated, 6250 babies will die each year.  

And finally a shocking truth- in second meeting of the Global Vaccine safety Initiative, held in 19-20 November 2013 in Delhi, it was stated that active surveillance studies in developing countries are important with increased vaccine uptake. Vaccines are being introduced earlier or exclusively in developing countries with incomplete safety profiles. 
 
 http://shabdkritiyan.blogspot.it

COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO VITE SOSPESE LETTERA APERTA A MATTEO RENZI



La lettera che segue è stata inoltra, oltre che a tutti gli organi di stampa, anche alle segreterie dei partiti e ai parlamentari.

Caro Matteo,
certo che la coerenza non è proprio il Suo forte. La Sua repentina ascesa al potere è già una palese contraddizione con quanto Lei stesso ha affermato non poco tempo fa. Ma come, non aveva detto che non avrebbe mai governato senza passare dalla competizione elettorale? E, invece, eccoLa Premier, e senza mai essere stato eletto.

Dalla composizione del nuovo Governo, si deduce che non Lei non è un grande stratega, ma che, così giovane, Lei si è già bruciato da solo. D'altra parte di questo poco importa a chi l'ha messo al potere, per il momento Lei serviva alle lobby.

A proposito Matteo, sarebbe il caso di spiegare ai malati le ragioni che L'hanno indotta a riconfermare la Lorenzin Ministro alla Salute. Quali sono le alte competenze che, Matteo, L'hanno così colpita?

Al discorso fatto appena nominato segretario del PD, Lei, Matteo, aveva detto una frase sensata. Era l’indomani della ordinanza del Tar Lazio che aveva dichiarato illegittimo il parere emesso dal Comitato scientifico nominato dalla Lorenzin in quanto in conflitto di interessi, e Lei, Matteo, aveva sostenuto come fosse assurdo dover aspettare la sentenza di un giudice per poter ripristinare la legalità in una materia così delicata come quella afferente il diritto di cura.

In qualsiasi Paese normale, il Ministro alla Salute si sarebbe dovuto dimettere per aver nominato all’interno del Comitato scientifico personaggi in palese conflitto di interessi, o quantomeno avrebbe dovuto riferirne in Parlamento.

A distanza di mesi, Lei Matteo si è rimangiato quanto dichiarato e ha premiato la Lorenzin, che adesso sostiene che nominerà al più presto i membri del Comitato scientifico e che questa storia della Stamina si è protratta troppo a lungo. Forse dimentica che se non avesse nominato alcuni detrattori della Stamina Foundation tra i membri del Comitato scientifico dichiarato illegittimo dal Tar, la sperimentazione sarebbe già partita dalla scorsa estate e molte vite umane si sarebbero salvate. Sì, perché nonostante ciò che i mass-media di regime vogliono far passare, la metodica Stamina funziona e proprio la macchina del fango, avviata all’indomani dell’ordinanza Tar, lo dimostra.

Vede Matteo, i malati non sono stupidi e credono a medici del calibro di Villanova o John Bach che hanno dedicato la propria vita a curarli, e non a pseudo-ricercatori e neosenatori che con i malati non hanno mai avuto a che fare, anche se sono la loro fonte principale di guadagno che giustifica ultradecennali ricerche inutili che non portano mai ad alcun risultato.

E’ davvero indecoroso per l’intero Paese il fatto che sia stata nominata per volere della neosenatrice Cattaneo (altra nomina non voluta dai cittadini) una commissione di inchiesta che sembra aver ripristinato la Santa Inquisizione, e che all’interno della Commissione Sanità e affari sociali si dicano, solo sulla base del sentito dire, falsità come quella sugli effetti collaterali della terapia Stamina e sulla mancanza di miglioramenti. Chi dice queste falsità guarda caso non è in grado di produrre una documentazione medica al riguardo, ma solo una grossa mole di articoletti di bassa lega.

Quanto alle indagini di Torino, siamo certi che prima o poi verranno sentiti i pazienti, cioè gli attori principali di questa storia, altrimenti sarebbe troppo palese la violazione dell’art. 358 c.p.p.

Vede Matteo, se davvero Le importa dei deboli, Lei deve dimostrarlo! Ascolti i malati, vada dai fratelli Marco e Sandro Biviano che dal 23 luglio sono accampati a Roma, nel presidio permanente del Civico 117 A di piazza Montecitorio, mettendo a repentaglio la loro stessa vita.

Noi siamo ancora aperti al dialogo, al contrario di chi L'ha preceduta al Governo e dei Suoi attuali collaboratori. Ora, Matteo, tocca a Lei dimostrare che il PD può avere un volto diverso, magari più umano di quello mostrato fino ad ora.

23 febbraio 2014

Il Movimento Vite Sospese

Sottoscrivo molto volentieri questo documento.
Giorgio Alberto Tremante (Responsabile dei Danneggiati da Vaccino nominato dal Ministero - Presidente della Fondazione Marco e Andrea Tremante-Per una vera ricerca sui danni da vaccino).

La bomba a orologeria medica dell'immunizzazione contro la malattia

"La più grande minaccia delle malattie infantili
risiede negli sforzi pericolosi e inefficaci
fatti per prevenirle."

di Robert S. Mendelsohn MD


 

 

"Lo so, mentre scrivo sui pericoli della vaccinazione di massa, che è un concetto che si possono trovare difficile da accettare. Le vaccinazioni sono state così abilmente e aggressivamente commercializzato che la maggior parte genitori credono loro di essere il "miracolo" che ha eliminato molte malattie una volta temute. Di conseguenza, per chiunque di opporsi loro confini sul temerario. Per un pediatra per attaccare quello che è diventato il "pane e burro" della pratica pediatrica è equivalente a un sacerdote di negare l'infallibilità del papa.

Sapendo che, posso solo sperare che si può mantenere una mente aperta, mentre io presento il mio caso. Molto di ciò che siete stati indotti a credere di vaccinazioni semplicemente non è vero. Non ho solo gravi dubbi su di loro, se dovessi seguire le mie convinzioni profonde nello scrivere questo capitolo, vi esorto a respingere tutte le vaccinazioni per il vostro bambino. Io non lo farò, perché i genitori in circa la metà degli stati hanno perso il diritto di fare quella scelta. I medici, non i politici, hanno incitato con successo per le leggi che obbligano i genitori a vaccinare i loro figli come un prerequisito per l'ammissione alla scuola.

Anche in quegli stati, però, si può essere in grado di convincere il vostro pediatra per eliminare la pertosse (tosse convulsa), componente dal vaccino DPT. Tale vaccinazione, che sembra essere il più minaccioso di tutti, è oggetto di tante controversie che molti medici stanno diventando nervosi di dare, temendo azioni legali. Essi dovrebbero essere nervoso, perché in un caso recente di Chicago un bambino danneggiato da una inoculazione pertosse ha ricevuto un premio regolamento $ 5,5 milioni. Se il medico è in quello stato d'animo, sfruttare la sua paura, per-ché la salute del vostro bambino è in gioco.

Anche se ho amministrato loro il mio sé durante i miei primi anni di pratica, sono diventato un avversario fermo di vaccinazione di massa a causa dei rischi miriade di essi presentano. L'argomento è talmente vasto e complesso che merita un libro a sé stante. Di conseguenza, devo essere contenuto qui con riassume le mie obiezioni allo zelo fanatico con cui i pediatri ciecamente sparare proteine estranee nel corpo del bambino senza sapere quali danni eventuali che possono causare.

Qui è il cuore della mia preoccupazione:

I. Non vi è alcuna prova scientifica convincente che le vaccinazioni di massa possono essere accreditati eliminando qualsiasi malattia infantile. Se è vero che alcune malattie infantili, una volta comuni sono diminuite o scomparse da quando sono state introdotte le vaccinazioni, nessuno sa veramente perché, anche se il miglioramento delle condizioni di vita possono essere il motivo. Se vaccinazioni erano responsabili per la diminuzione o la scomparsa di tali malattie negli Stati Uniti, si deve chiedere perché sono scomparsi contemporaneamente in Europa, dove le vaccinazioni di massa non ha avuto luogo.

2. Si crede comunemente che il vaccino Salk era responsabile per arrestare le epidemie di polio che affliggevano i bambini americani nel 19405 e 1950. Se è così, perché il epidemie finiscono anche in Europa, dove il vaccino antipolio non era usato così frequentemente? Di maggiore attualità, perché è il vaccino contro il virus Sabin ancora somministrato ai bambini quando il dottor Jonas Salk, che ha aperto il primo vaccino, sottolinea che il vaccino Sabin sta causando la maggior parte dei casi di polio che appaiono. Continuando a forzare questo vaccino sui bambini è un comportamento irrazionale medico che conferma semplicemente la mia tesi che i medici costantemente ripetere i loro errori. Con il vaccino antipolio stiamo assistendo ad una replica della riluttanza medici ad abbandonare la vaccinazione contro il vaiolo, che rimase come unica fonte di morti di vaiolo correlati per tre decenni dopo che la malattia era scomparsa.

Pensate a! Per 30 anni i bambini sono morti per le vaccinazioni contro il vaiolo, anche se non è più minacciata dalla malattia.

3. Ci sono rischi significativi connessi con ogni vaccinazione e numerose controindicazioni che possono rendere pericoloso per i colpi da dare al vostro bambino. Eppure i medici li amministrano regolarmente, di solito senza avvertire i genitori dei rischi e senza determinare se la vaccinazione è controindicata per il bambino . Nessun bambino dovrebbe essere immunizzato senza fare tale determinazione, ancora piccoli eserciti di bambini sono regolarmente allineati in cliniche per ricevere un colpo al braccio senza le domande fatte dai loro genitori!

4 Mentre i pericoli miriade di breve termine della maggior parte delle vaccinazioni sono noti (ma raramente spiegato), nessuno conosce le conseguenze a lungo termine di iniezione di proteine estranee nel corpo del bambino. Ancora più scioccante è il fatto che nessuno sta facendo qualsiasi strutturata sforzo per scoprire.

5. Vi è una crescente sospetto che l'immunizzazione contro malattie relativamente male-meno infantili possono essere responsabili per il drammatico aumento delle malattie auto-immuni da quando sono state introdotte le vaccinazioni di massa. Queste sono malattie temibili come il cancro, leucemia. artrite reumatoide, sclerosi multipla, morbo di Lou Gehrig, il lupus eritematoso, e la sindrome di Guillain-Barre. Una malattia autoimmune può essere spiegato semplicemente come quella in cui i meccanismi di difesa del corpo non può distinguere tra invasori e tessuti del corpo ordinario, con la conseguenza che il corpo comincia a distruggersi. Abbiamo scambiato parotite e morbillo per il cancro e la leucemia?

Ho sottolineato queste preoccupazioni, perché è probabile che il vostro pediatra non vi consiglierà su di loro. Al Forum 1982 della American Academy of Pediatrics (AAP), è stato proposto una risoluzione che avrebbe permesso di assicurare che i genitori saranno informati circa i rischi ei benefici di vaccinazioni. La risoluzione ha esortato che "l'ALA? Rendere disponibili in informazioni chiare e linguaggio conciso che un genitore ragionevole vorrebbe conoscere i vantaggi ei rischi di vaccinazioni di routine, i rischi di malattie prevenibili da vaccino e la gestione delle reazioni avverse comuni vaccinazioni." A quanto pare i medici riuniti non credevano che "genitori ragionevoli" avevano diritto a questo tipo di in-formazione, perché hanno respinto la risoluzione!

La polemica su vaccinazioni che ora imperversando all'interno della professione medica non è sfuggito all'attenzione dei media. Un numero crescente di genitori rifiutano le vaccinazioni per i loro figli e affrontare le conseguenze giuridiche di farlo. I genitori i cui figli sono stati danneggiati in modo permanente dai vaccini accettano più questo come destino, ma sono archiviazione azioni legali contro i produttori ei medici che hanno somministrato il vaccino. Alcuni produttori hanno effettivamente smesso di fare i vaccini, e gli elenchi delle controindicazioni al loro uso sono stati ampliata dai restanti produttori, di anno in anno. Nel frattempo, perché le vaccinazioni di routine che portano i pazienti indietro per chiamate di lavoro ripetuti, sono il pane quotidiano della loro specialità, pediatri continuano a difenderli fino alla morte.

La domanda i genitori dovrebbero porre è:
LA MORTE DI CHI?

Come genitore, solo tu puoi decidere se rifiutare le vaccinazioni o rischiare accettandoli per il vostro bambino. Lasciate che vi esorto, però: prima che il bambino è immunizzato-di armarsi con i fatti circa i potenziali rischi e benefici e la domanda che il vostro pediatra difendere le vaccinazioni che egli raccomanda. Se si decide che non si desidera avere il tuo bambino immunizzato, ma le leggi dello stato dice che si deve, scrivete a me, e io in grado di offrire suggerimenti su come si può riconquistare la vostra libertà di scelta.
[...]"
(trad. google)

fonte e foto:
http://www.whale.to/vaccines/mendelsohn.html

La deviazione della corrente a getto è all’origine dei fenomeni climatici estremi

  Un’altra conferma delle conclusioni cui eravamo giunti per mezzo di analisi indipendenti proviene da un recente studio. La ricerca riguarda lo spostamento e la frantumazione della corrente a getto, fenomeni che avevamo già osservato soprattutto all’interno di alcuni articoli pubblicati su Tanker enemy meteo. Ora alcuni meteorologi ratificano quanto tempo fa da noi rilevato grazie ad un approccio empirico. Dobbiamo, però, evidenziare due difetti dell’indagine scientifica condotta: gli esperti non ricordano che, come è sottolineato dai matematici e fisici tedeschi, Bludorf e Grozar, la jet stream non è solo un vento di alta quota, ma ha pure proprietà elettromagnetiche. Sono caratteristiche che la rendono vulnerabile alle manipolazioni con campi elettrodinamici. Inoltre non si chiarisce che la liquefazione dei ghiacci artici non è un evento naturale, quanto la conseguenza dei riscaldatori ionosferici e delle coltri chimiche che intrappolano l’energia termica negli strati bassi dell’atmosfera. Il CO2? Lasciamo la fandonia del ‘global warming’ collegato alle emissioni di biossido di carbonio ai negazionisti ed ai deficienti.



Pallab Ghosh: "Ci dovremo abituare ad inverni in cui fenomeni meteorologici estremi potrebbero durare per settimane o addirittura mesi".

Un recente studio dimostra che la corrente a getto ha assunto in questi ultimi tempi un percorso tortuoso. Il lavoro è stato presentato alla riunione annuale dell'Associazione americana per l'avanzamento della scienza (A.A.A.S.). con sede a Chicago. Il fenomeno potrebbe essere stato causato del recente riscaldamento dell'Artico (di origine artificiale, n.d.t.). Lì temperature le sono cresciute due o tre volte più velocemente rispetto al resto del globo. La professoressa Jennifer Francis della Rutgers University nel New Jersey osserva: “Questo sembra suggerire che i modelli climatici stanno cambiando: ecco perché le persone stanno notando che il tempo nella loro zona non è più quello di una volta”.


La jet stream serpeggiante è stata all’origine della forte perturbazione che si è abbattuta sul Regno Unito e dell'inverno gelido nel New England e nel Midwest degli Stati Uniti. "Dobbiamo aspettarci che inverni così rigidi si succedano sempre più spesso”, osserva la professoressa Francis. La corrente a getto, come suggerisce il nome, è un flusso d'aria ad alta velocità nell'atmosfera da cui dipendono molti fenomeni atmosferici. In parte è alimentata dalla differenza di temperatura tra la regione artica e la zona delle medie latitudini. Se la differenza è notevole, la corrente a getto tende ad accelerare: è come un fiume che scorre giù per una collina ripida e che supera tutti gli ostacoli. Se la discrepanza di temperatura diminuisce a causa di un riscaldamento artico, la corrente a getto si indebolisce e, come un fiume in pianura, si snoda ogni volta che incontra un impedimento.

Ciò si traduce in situazioni climatiche che tendono a bloccarsi per settimane su certe aree. Si spinge anche il freddo più a sud ed il caldo più a nord. Esempi di quest'ultimo caso sono l’Alaska e parte della Scandinavia che hanno conosciuto condizioni eccezionalmente calde nell’iverno 2013-2014. Regno Unito, Stati Uniti ed Australia stanno sperimentando condizioni meteorologiche estreme. Ci si chiede se le attuali situazioni atmosferiche siano dovute a variazioni naturali o fattori artificiali. Secondo la professoresa Francis, è troppo presto per dirlo. "L'Artico si è riscaldato rapidamente solo negli ultimi quindici anni”, osserva. […]

"Fondamentalmente il forte riscaldamento che potrebbe essere la matrice di queste alterazioni è legato allo scioglimento del pack, perché la coltre di ghiaccio agisce come un coperchio che separa l'oceano da un clima più freddo”, ha spiegato il dottor Serreze. "Se si toglie il coperchio, il calore proveniente dal mare si sprigiona nell'atmosfera”.

Fonte: bbc.co.uk


 http://www.tankerenemy.com

sabato 22 febbraio 2014

Napolitano vs Gratteri: gli ultimi colpi di coda di un monarca

napolitano-gratteri-effdi Lorenzo Baldo e Giorgio Bongiovanni -

“Se l'alternativa a Nicola Gratteri è Andrea Orlando, Renzi mi sembra un po’ confuso”.
Il commento dello scrittore Antonio Nicaso è decisamente illuminante. Per inciso: il neo ministro di via Arenula, Andrea Orlando, è noto alle cronache per le sue posizioni a favore dell’abolizione dell’ergastolo e del 41bis. Lo giudicheremo all’opera. Resta il fatto che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha sferrato uno dei suoi ultimi colpi di coda: vietare il ministero della giustizia a Nicola Gratteri. “Perché Napolitano ha messo il veto sul procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria? – ha aggiunto Nicaso – Forse non lo sapremo mai.
Sappiamo invece che Gratteri continuerà a fare il magistrato. E questa è la cosa più importante!”. Al di là delle conferme ufficiali in merito a questo cambio imposto al neo premier, c’è da notare comunque che Matteo Renzi si è di fatto uniformato ai voleri del Capo dello Stato. Si potrebbe dire che non c’è limite allo scempio compiuto da questo anziano presidente nel suo settennato (e oltre): a partire dal suo benestare concesso alle peggiori leggi, passando per le ingerenze del Quirinale nel processo sulla trattativa, fino ad arrivare alle striscianti strategie delle “larghe intese” a lui tanto care. Ma sarebbe comunque riduttivo. Questa volta Napolitano ha impedito letteralmente ad un uomo giusto come Nicola Gratteri di realizzare quanto aveva anticipato qualche giorno fa a Riccardo Iacona. Al conduttore di “Presa Diretta” lo stesso procuratore aggiunto di Reggio Calabria aveva spiegato che su richiesta dell’ex premier Letta aveva stilato un rapporto contenente alcuni provvedimenti in materia di giustizia del tutto indispensabili: “Aumentare le pene, oggi per il 416 bis sono ridicole, non proporzionali al reato, senza altri capi di imputazione parliamo di 5-10 anni di carcere” oltre a “togliere i riti abbreviati nei casi di mafia”. In secondo luogo “passare ad un sistema informatizzato per abbattere costi e tempi del processo” mentre ad oggi “gli ufficiali giudiziari sono costretti a girare il paese e a non fare indagini”. “Bloccare la prescrizione del processo dopo il primo grado, per evitare che gli avvocati puntino alla prescrizione allungando in modo anomalo il processo. In questo modo si libererebbero risorse e giudici perché meno imputati ricorrerebbero in appello, sapendo che non ci guadagnano nulla”. Sul 41 bis Gratteri era stato alquanto chiaro: “E’ uno slogan: sono 750-780 i detenuti al 41 bis nelle diverse carceri italiane, dove però i posti attrezzati sono solo 500. Servirebbero quattro supercarceri dove concentrare tutti i boss, per arrivare ad una univocità nell’applicazione del carcere duro. Oggi, ogni carcere fa storia a sé, e un Riina se ne può passeggiare ad Opera a discutere di stragi col compare durante l’ora d’aria”. E sull’emergenza carceri: “niente indulto o amnistia” ma piuttosto “accordi bilaterali con i paesi esteri per i detenuti stranieri”. Del resto davanti alle telecamere Gratteri si era chiesto: “Dopo il 2006 – e l’istituzione dell’indulto – cosa ha fatto la politica per ridurre il problema delle carceri? Perché non si riaprono le supercarceri di Pianosa ed Asinara? Perché non si tolgono i detenuti per droga, in altre strutture attrezzate?”. Infine era stata affrontata la questione degli sprechi: “Non ci sono soldi per i furgoni dove trasportare i detenuti, e poi il Dap spende soldi per auto di grossa cilindrata? A chi servono e perché? A Reggio Calabria mancano il 50% dei giudici, e così anche in altre procure d’Italia. Se questa è la situazione, difficile fare una vera lotta alla mafia”. Eppure, aveva precisato il magistrato reggino, a voler mettere in atto i provvedimenti contenuti nel rapporto “basterebbero due mesi per preparare un decreto legge”. Niente di tutto questo. Con il suo diktat Napolitano ha ribadito la posizione della sua presidenza. Che non è certamente quella finalizzata al rafforzamento della giustizia e della lotta alla mafia. Per non parlare della verità sulle stragi, una questione troppo spinosa per il presidente della Repubblica. Come da copione il Governo Renzi parte quindi sotto una pessima luna per il popolo italiano. Che mai come in questo momento ha il dovere di non abbassare la guardia per evitare che un’ennesima volta il dicastero della Giustizia diventi un’avanguardia di chi ha tutto l’interesse ad affossare indagini delicate e magistrati in prima linea. 
Un’ultima considerazione: se Gratteri fosse diventato ministro della Giustizia, il segnale che sarebbe scaturito dalla sua nomina sarebbe stato dirompente, talmente forte che avrebbe minato alle fondamenta di un sistema di potere che da anni tiene sotto scacco la nostra democrazia. Che evidentemente ancora non deve essere liberata. Almeno fino al prossimo governo.

http://www.antimafiaduemila.com/



UCRAINA: 27 INCREDIBILI FOTO DEL CAOS URBANO

Ecco la piazza Maïdan a Kiev prima e dopo lo scontro tra manifestanti e forze dell’ordine. Clicca per ingrandire.
Le altre foto qui:

http://www.darlin.it/reportage/ucraina-27-incredibili-foto-del-caos-urbano/

GRATTERI ALLA GIUSTIZIA? BOCCIATO DA NAPOLITANO! L’UNICO VERO MINISTRO COMPETENTE, BOCCIATO DA CHI DOVREBBE ESSERE GARANTE DELLA LEGALITA’

Governo Renzi, Gratteri chiamato alla Giustizia. Poi Napolitano blocca la nomina

Il pm rassicurato fino a venerdì pomeriggio: “Sei in squadra”. Anche Berlusconi non era contrario: “Basta che non sia di Magistratura democratica”. Il Capo dello Stato preferisce sostituirlo (e nessuno lo avvisa)

nicola_gratteri_645
Resta da capire come giustificherà, Giorgio Napolitano, il veto sul nemico numero uno della ‘ndrangheta, il pm Nicola Gratteri. Che fino a pochi minuti prima dell’incontro tra Matteo Renzi e il presidente della Repubblica, aveva in tasca il ministero della Giustizia (vedi foto). Un incarico che l’entourage del premier aveva confermato per telefono al magistrato calabrese ieri pomeriggio. Una vicenda, questa, che è stata raccontata e confermata al Fatto Quotidiano da tre fonti che hanno chiesto di rimanere anonime. E se l’incontro al Quirinale è stato così lungo – più di due ore – il motivo è stato proprio che la scelta di Gratteri, per il capo dello Stato, era inaccettabile. Un veto che fa riflettere anche sull’excusatio non petita di Napolitano, che ha azzardato il ricorso all’ironia per provare a negare il suo ruolo nella bocciatura di Gratteri: “Vorrei rassicurare i cultori diricostruzioni giornalistiche a tinte forti, che il mio braccio non è stato sottoposto, né l’altro ieri né oggi, ad alcuna prova di ferro. Lo trovate, spero, in buone condizioni”.
Un tentativo, quello di smorzare il suo intervento, che forse tendeva a scaricare la responsabilità della marcia indietro su qualcun altro. Per esempio Angelino Alfano, che aveva già espresso la sua contrarietà alla nomina di Gratteri (non voglio un Guardasigilli “giustizialista”, aveva detto). Ma il peso del neo ministro degli Interni non era bastato a far cambiare idea a Renzi: e infatti, durante la telefonata di ieri, gli uomini del premier avevano rassicurato il pm sul fatto che l’accordo era stato trovato. C’è anche chi ipotizza che sia stato Silvio Berlusconi a opporsi. Versione smentita da diversi berlusconiani che raccontano un aneddoto emblematico: nei giorni scorsi, ilCavaliere ha freneticamente telefonato ai suoi amici calabresi per informarsi su “questo signore, che conosco troppo poco”. La sua unica paura era che il pm potesse appartenere a Magistratura Democratica. Ma Gratteri non fa parte di nessuna corrente e non ha mai espresso apprezzamenti su alcun partito. Tanto è bastato per ottenere il via libera di B.
 http://bastacasta.altervista.org/

Chi è Padoan? L’uomo che scaraventò l’Argentina nell’abisso



di Franco Fracassi

Il neo ministro dell’Economia è stato dirigente del Fmi e dell’Ocse. Ha contribuito alla crisi di Grecia e Portogallo. Il Nobel Krugman lo definì: «L’uomo dai cattivi consigli». «La riforma Fornero è stato un passo importante per la risoluzione dei problemi dell’Italia», dichiarò un anno fa il neo ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Ex dirigente del Fondo monetario internazionale, ex consulente della Bce ed ex vice segretario dell’Ocse, Padoan è di casa tra i potenti del mondo. Scelto personalmente dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e osannato dai grandi media italiani, il neo ministro non è stimato da tutti gli economisti, soprattutto da quelli non liberisti. Sentite cosa scrisse di lui sul “New York Times” il premio Nobel per l’economia Paul Krugman: «Certe volte gli economisti che ricoprono incarichi ufficiali danno cattivi consigli; altre volte danno consigli ancor peggiori; altre volte ancora lavorano all’Ocse». Padoan era responsabile dell’Argentina per conto del Fondo monetario internazionale nell’anno in cui il Paese sudamericano fece default. A cosa si riferiva Krugman? Padoan è stato l’uomo che ha gestito per conto del Fondo monetario internazionale la crisi argentina. Nel 2001, Buenos Aires fu costretta a dichiarare fallimento dopo che le politiche liberiste e monetariste imposte dal Fmi (quindi, suggerite da Padoan) distrussero il tessuto sociale del Paese. In quegli anni il neo ministro si occupò anche di Grecia e Portogallo. Krugman scrisse in un altro articolo che furono proprio le ricette economiche «suggerite da Padoan a favorire la successiva crisi economica nei due Paesi». Ecco cosa dichiarò Padoan a proposito della crisi greca: «La Grecia si deve aiutare da sola, a noi spetta controllare che lo faccia e concederle il tempo necessario. La Grecia deve riformarsi, nell’amministrazione pubblica e nel lavoro». In altre parole, Atene avrebbe dovuto rendere il lavoro molto più flessibile, alleggerendo (licenziando) la macchina della pubblica amministrazione. Nel marzo del 2013, quando la Grecia era sull’orlo del collasso, l’allora numero due dell’Ocse suggerì più esplicitamente: «C’è necessità che il governo greco adotti una disciplina di bilancio rigorosa e di un continuo sforzo di risanamento dei conti pubblici, condizioni preventive per il varo di misure a sostegno dello sviluppo». Padoan è stato per quattro anni responsabile per conto del Fmi della Grecia. Successivamente, ha influenzato le politiche economiche di Atene in qualità di vice presidente dell’Osce. -

 See more at: http://www.losai.eu/chi-e-padoan-luomo-che-scaravento-largentina-nellabisso/#sthash.J0lzXfb3.dpuf

Ancora vitelli e maiali gonfiati Decine di denunce e sequestri

Medicinali acquistati in nero e somministrati agli animali senza controlli anche in aziende mantovane Gli indagati salgono a 262: tra loro commercianti, veterinari, allevatori e liberi professionisti di Giancarlo Oliani
Ancora clamorosi sviluppi nell'indagine per il traffico di farmaci veterinari distribuiti al mercato clandestino e destinati a gonfiare i vitelli e i maiali del Nord Italia.
Nelle ultime due settimane decine di allevamenti sono stati passati al setaccio e altrettanti allevatori denunciati per possesso di medicinali acquistati in modo illecito e somministrati, senza i previsti controlli veterinari ai bovini, poi inviati i macelli. Alle denunce sono seguiti altrettanto sequestri.
«Quella carne - afferma il procuratore capo della repubblica Antonino Condorelli titolare dell’inchiesta - è finita sulla tavola degli italiani. Ciò che sconvolge è che nonostante i numerosi sequestri operati nei mesi scorsi, i fornitori, sempre gli stessi, continuano ad approvigionare gli allevatori mantovani. Stiamo correndo ai ripari per neutralizzare, una volta per tutte, questi fornitori». Sono arrivate a 262, fino ad oggi, le persone indagate. Di queste, oltre la metà, sono mantovane, in gran parte allevatori ma anche veterinari e commercianti. I farmaci incriminati girano sottotraccia. Nessuna registrazione, così gli animali, malati e sani, vengono dopati e gonfiati come palloni, aggirando i controlli sanitari. Tutto nascosto grazie ad accordi tra grossisti, veterinari liberi professionisti e allevatori compiacenti, ricettatori di medicinali rubati, farmacisti e commercianti non abilitati alla vendita. Un'organizzazione con probabili ramificazioni anche all'estero e con la testa a Pegognaga. Ora sono oltre un centinaio i mantovani finiti nei guai in seguito all'operazione denominata Muttley, messa a segno dal Corpo Forestale della Lombardia e dell'Emilia Romagna, con il contributo del comando provinciale di Mantova e sotto il coordinamento della procura di via Poma, che ha portato alla luce un traffico di farmaci veterinari distribuiti al mercato clandestino e destinati a gonfiare vitelli e maiali del Nord-Italia. Le indagini, guidate dal capo della Procura di Mantova, Condorelli, hanno scoperto una vera associazione a delinquere dedita alla distribuzione e alla vendita di farmaci veterinari da somministrare in nero agli animali e in assenza di controlli medico-veterinari.
Tra gli indagati 23 grossisti di farmaci, 10 allevatori, 12 responsabili di attività commerciali zootecniche, 2 farmacisti, 12 veterinari libero professionisti (non dell'Asl), 6 privati che facevano da tramite tra domanda e offerta. Le perquisizioni erano scattate a Pegognaga, Mantova, Suzzara, Motteggiana, Gonzaga, nel Reggiano a Reggiolo, Rubiera, Gattatico, in provincia di Padova, Brescia, Parma, Sondrio, Torino, Cuneo. I farmaci venivano somministrati sia agli animali ammalati, per curarli e spedirli agli allevatori finali, sia a quelli sani per accrescere la massa muscolare. Per i consumatori, comunque, non vi sarebbero pericoli per la salute.

 http://gazzettadimantova.gelocal.it/

Il Governo Renzi, l'ennesimo rimpasto su criteri di spartizione.



A Economia e Finanze ha  un altro tirapiedi dell'ELITE.
Pier Carlo Padoan --> FMI - Banca Mondiale - IAI,  OCSE e varie cariche per conto delle banche e dei poteri forti

http://www.internazionale.it/news/italia/2014/02/21/ecco-chi-sono-i-sedici-nuovi-ministri-del-governo-renzi/
___________________________________________